giganti verdi Credits fotografia

SuperAlberi: viaggio alla scoperta dei giganti verdi

Anche noi, come quasi tutti, ci siamo diretti verso Milano per partecipare a quella miriade di manifestazioni collaterali che stanno avvolgendo il Nostro Paese nel nome dell’EXPO.
Al Parco Sempione, abbiamo “tenuto” il nostro workshop dal titolo SuPerAlberi: viaggio alla scoperta dei giganti verdi presentando il nostro progetto didattico educativo all’interno delle Giornate Tecniche organizzate dall’Associazione Italiana di Arboricoltura

foto1

nelle giornate del 2 e 3 luglio dedicate proprio alla “Cura degli Alberi Monumentali”. Abbiamo spiegato che vogliamo raccontare gli alberi da dentro, dall’interno delle chiome e farli vedere e “vivere” alla maggior parte delle persone che altrimenti non ne avrebbero la possibilità. Appassionarli attraverso filmati divulgativi ma raccontati con semplicità e a volte con leggerezza, evidenziando non solo l’albero e le sue peculiari caratteristiche, ma tutto il contesto, storico, culturale, ambientale  e sociale di questo immenso patrimonio che sono gli Alberi Veterani, come li ha definiti il dr Neville Fay, uno dei maggiori esperti inglesi nella tutela degli alberi Monumentali. durante il convegno.

foto2

L’albero non è più e non è solo un individuo da salvaguardare ma è un ecosistema intero da comprendere e difendere. Ci sono alberi cosi vecchi che costituiscono l’unico punto di riproduzione di alcuni insetti o organismi particolari. La terra che si forma in centinaia d’anni all’interno dei tronchi cavi per opera dei “parassiti” costituisce un unicum incredibile ed un ambiente assolutamente speciale, particolare e raro nel nostro sistema ambientale. Occorre perciò passare da una attenzione semplicistica di conservazione dell’albero ad una comprensione sempre più profonda del mondo che lo accompagne ed in cui è inserito. Il nostro progetto si muove proprio in  questa ottica e, proprio per questo, ha ottenuto dall’Associazione Nazionale di Arboricoltura, l’importantissimo patrocinio. In precedenza, anche l’Associazione Nazionale Direttori e Tecnici Pubblici Giardini, e l’Università degli Studi di Udine,  riconoscendo il valore culturale della proposta, avevano concesso il loro sostegno all’iniziativa. Ora, orgogliosi di questi riconoscimenti, non ci resta che proseguire con maggiore impegno in questa fantastica e difficile opera di raccontare un mondo complessissimo e sconosciuto ai più, in maniera scientificamente corretta ma semplice e

comprensibile a tutti. E’ la nostra sfida futura. Per la quale chiediamo, a tutti quelli che ritengono di condividerne la filosofia, aiuto e sostegno.
I giorni successivi (il 4 e 5 luglio) eravamo presenti invece , in un contesto alquanto differente, all’interno del Parco di Monza per collaborare assieme a Stihl  nella presentazione delle innovative motoseghe a batteria che noi usiamo ogni giorno per lavoro, assolutamente free pollution e facili da usare per chiunque, all’interno della incredibile cornice dei Campionati Europei di Tree-climbing, dove giovani di tutta Europa si sono sfidati a “correre” sugli alberi appesi alle funi.

https://youtu.be/YC0ro34_ZuY

I primi due giorni sono così stati dedicati allo studio e all’approfondimento della tutela degli alberi monumentali, gli altri si sono invece  invece rivelati più giocosi e vivaci, immersi nell’atmosfera giocosa dei Tree Climbers di tuttaEuropa. Due modalità diversissime tra loro, ma lo sforzo e  l’intento di fondo comune alla base di entrambe le iniziative è rimasto quello di avvicinare quanta più gente possibile a questo fantastico ed inesplorato mondo che sono gli alberi.
noi e Stihl ci siamo.

Leggi anche

SuPerAlberi

Il nostro mestiere è curare gli alberi, il nostro sogno è salvare il mondo SuPerAlberi è la prima azienda al mondo che lavora sugli alberi in maniera EcoSostenibile, EcoLogica e EcoSolidale. L’approccio è quindi totalmente innovativo: metodologie di avvicinamento al mondo arboreo ecocompatibili e rispettose dell’ambiente si coniugano con le più elevate professionalità e conoscenze […]

Vedi tutti gli articoli di questo autore

Correlati