Piante da siepe, consigli e varietà

Piante da siepe, consigli e varietà

|
Giardinaggio.web

La salute di una siepe e il suo vigore vegetativo hanno le loro basi in un corretto impianto e in un’attenta manutenzione nei primi anni. La potatura fa parte di questi lavori indispensabili, ma altrettanto fondamentale è un’irrigazione costante e abbondante nei primi anni.

Esistono tantissime piante in grado di formare una siepe bella, compatta e solida: nella scelta è importante l’altezza che devono raggiungere, lo scopo principale per cui la si installa (le caducifoglie, ovviamente, avranno meno capacità di coprire rispetto a una pianta sempreverde) ma anche la zona climatica specifica in cui ci si trova.

Ecco alcune varietà da valutare.

Bosso (Buxus Sempervivens): questo arbusto è particolarmente adatto ad essere coltivato come pianta da siepe per la sua fitta chioma data dalla dimensione decisamente piccola del fogliame; inoltre è particolarmente robusta e di facile coltivazione: non teme infatti né il caldo né il freddo, ama il sole ma può vivere all’ombra.

Carpino (Carpinus betulus): si tratta di un albero che può raggiungere anche i 20 metri di altezza, con una chioma fitta di circa 12 metri di diametro. Le foglie del carpino in autunno assumono una vivace colorazione gialla per poi virare al marrone, senza però staccarsi dai rami.

Ligustro (Ligustrum ovalifolium o Ligustrum japonicum) è un arbusto sempreverde, che può raggiungere anche i 3 metri e largo fino a 1,5 metri. ha foglie lanceolate e coriacee di un bel verde bottiglia. Fiorisce in maggio e giugno con fiori piccoli ma profumati, a cui seguono bacche tonde e nere in autunno.

Viburno (Viburnum): pianta sempreverde ideale per via della sua natura accomodante e generosa, che lo rende prezioso in tutte le stagioni e in variate circostanze. Il suo bel fogliame verde scuro si mantiene sempre ordinato e crea durante l’estate uno sfondo perfetto ad altri arbusti caduchi o permanenti, di forma e dimensioni complementari.

siepe_giardinaggio