Non solo rosacee in primavera

Non solo rosacee in primavera

|
Giardinaggio.web

L’arricchimento del giardino e del terrazzo primaverili può essere ottenuto diversificando i tipi di fioriture per ottenere la presenza di motivi di interesse a partire da febbraio fino a maggio. Vediamo insieme alcune soluzioni interessanti…

È questo il momento per pensare ad arricchire il balcone o il giardino con piante che fino a maggio regalano fioriture preziose. In genere infatti dopo la metà di maggio la maggior parte degli alberi da fiore ha terminato il suo momento migliore per lasciare spazio ad altre specie che amano fiorire nei mesi caldi (melograni, ibischi…).

– I Cornus sono ottimi per avere qualcosa di spettacolare. Le corolle rosa e bianche non sono in realtà fiori, bensì brattee, ovvero foglie trasformate; i fiori sono minuscoli e verdastri, al centro delle larghe foglie colorate. Amano vivere in ambienti non troppo caldi e aridi in estate e desiderano terra acida; le varietà a sviluppo moderato crescono bene anche in vaso, come Cornus florida ‘Rubra’, piccolo albero coltivabile in vasche di legno profonde.

– Le magnolie sono un’ottima scelta, tanto in vaso (molto ampio e profondo, preferibilmente di legno) come in giardino. Resistenti alle malattie, ma sensibili all’aridità: non dimenticatevi di innaffiare generosamente in estate. Le varietà classiche sono affascinanti; quelle con fiore a stella fioriscono più presto, in marzo e inizio aprile; quelle con fiore a coppa iniziano la fioritura in aprile avanzato. – Quanto ai rododendri, non dimenticate che alcuni di essi, in clima fresco e terreno acido, assumono dimensioni imponenti, come Rhododendron arboreum, R. degronianum e la spettacolare varietà orticola ‘Azor’ con fiori enormi color porpora dal cuore maculato.