Mandorle: utili accorgimenti per la raccolta

Mandorle: utili accorgimenti per la raccolta

|
Andreas STIHL S.p.A.
Ecco gli accorgimenti da seguire:
  1. ci si accorge che le mandorle sono mature per il fatto che il mallo (la parte esterna del frutto) si stacca dal guscio e si secca progressivamente;
  2. se possiedi solo alcuni alberi, puoi procedere con la raccolta manuale e, in base all’altezza delle piante e alla disposizione dei frutti sulla chioma, puoi operare direttamente da terra o utilizzando una robusta scala;
  3. per la raccolta si può anche procedere all’«abbacciatura» (vedi foto qui sotto), cioè alla raccolta con lunghe pertiche di legno (una volta compagne inseparabili dei raccoglitori di mandorle), con le quali si percuotono i rami da terra per far cadere le mandorle su reti stese sotto la chioma (poi i frutti si raccattano a mano);

Abbacchiatura

La raccolta può essere effettuata mediante la tradizionale «abbacchiatura», percuotendo i rami con lunghe pertiche per far cadere i frutti sulle reti stese a terra.

  1. un sistema rapido ed economico, utile se si hanno molte piante, è il ricorso a macchine raccoglitrici (reperibili presso i contoterzisti, vedi foto qui sotto), costituite da grandi pinze rivestite di gomma che si agganciano ai tronchi ai quali trasmettono vibrazioni tali da causare la caduta dei frutti;

Macchina raccoglitrice

Quando il numero di piante è elevato, per la raccolta delle mandorle è utile ricorrere a macchine raccoglitrici
  1. qualunque sia il metodo usato, dopo la raccolta i frutti vanno privati del mallo, va cioè eseguita la smallatura, usando macchine smallatrici, semplici attrezzi che, grazie all’energica azione di sfregamento dei frutti che avviene al loro interno, separano velocemente le mandorle dal mallo;
  2. infine le mandorle senza più mallo vanno sottoposte a essiccazione all’aperto su stuoie stese al suolo (vedi foto qui sotto), affinché il calore dei raggi solari disidrati i frutti, permettendo così una lunga conservazione.

Mandorle senza mallo