La Vite di Giada Credits fotografia

La Vite di Giada

La vite di Giada è una particolare pianta rampicante proveniente dalle Filippine e appartenente alla famiglia Strongylodon macrobotrys, i suoi fiori sono caratterizzati da uno stravagante colore, tra il verde e il blu. La forma del fiore è allungata e simile a un artiglio, ogni pianta può arrivare a una lunghezza di tre metri. Il processo di impollinazione è altrettanto stravagante e avviene tramite una specifica specie di pipistrello che attratto dalla luminosità del fiore, vi si aggrappa e ne succhia il nettare. L’impollinazione avviene quando il pipistrello, si aggrappa al fiore successivo portando con se i residui di polline.

Sfortunatamente la vite di Giada è letteralmente una pianta di rara bellezza, data la sua ridotta presenza in natura per via del problema del disboscamento. Normalmente questa pianta cresce lungo i torrenti nelle foreste umide, o burroni.

Ecco dei consigli su come far germinare questi incantevoli fiori nel proprio giardino

  • Essendo una pianta che normalmente cresce vicino fonti di acqua si consiglia sempre di piantarla vicino a una fonte di acqua.
  • Preparare una germinazione piatta con parti uguali della fibra di vernice e vermiculite finemente triturata.
  • Distribuire uniformemente i semi della vite gessata sulla superficie di un piatto fondo e poi premere ogni seme giù circa 1/4 di pollice profondo nel mezzo di coltura e coprire con uno strato sottile di terreno.
  • Bagnare il piatto fondo e poi coprire la superficie con un foglio di plastica, ricordando di fissare le estremità alla parte inferiore del piano. Così facendo si ridurrà l’evaporazione dell’umidità e si manterrà caldo il terreno.
  • Posizionare il piatto sempre all’aria aperta in una zona ombrosa, senza luce del sole diretta, così da non farlo asciugare completamente. I semi dovrebbero germogliare tra i dieci e i quindici giorni. Una volta che i semi germogliano rimuovere la plastica e mantenere il terreno umido.
  • Una volta che i germogli hanno superato la fase tenera, trapiantarli in un vasetto con una miscela uguale di terriccio, sabbia nera e humus, con una piccola quantità di fertilizzante.
  • Trapianto vostri giovani piantine quando hanno superato il loro fase di gara e hanno cominciato ad affollare l’un l’altro. Utilizzare vasetti di torba o altri piccoli vasi in cui si mette una miscela uguale di terriccio, sabbia nera e humus, insieme a una piccola quantità di fertilizzante generale giardino.
  • Per i primi giorni dopo il trapianto bisogna proteggere le piantine nell’ombra e quando le radici si saranno solidificate, sarà possibile trapiantare la Vite di Giana nel proprio giardino. Assicurarsi di piantare alla base di un albero per fornire supporto.

Giardinaggio

Dalla carta al web Giardinaggio è la prima piattaforma multimediale dedicata al mondo del giardinaggio e dell’orto in Italia; indispensabile per chi ama il verde fai-da-te, con approfondimenti, itinerari tematici, progettazioni di giardini e sopratutto tanti consigli pratici dai più grandi protagonisti del settore.

Vedi tutti gli articoli di questo autore

Correlati