Stella di Natale Credits fotografia

Stella di Natale: un magico pensiero

È facile pensare che molti di voi in questo periodo avranno ricevuto in regalo una magnifica Stella di Natale. Erroneamente si pensa sia un fiore; in realtà è una pianta che, se ben curata, può arrivare fino a tre metri di altezza.

Il tipico colore rosso infatti è dato dalle sue foglie, che spesso nascondono sfumature più rosate o biancastre. I fiori, verdi piccoli e senza petali, crescono all’interno di esse durante l’inverno. In Italia è presente ormai da circa due secoli e ogni anno si stimano almeno 20.000.000 esemplari venduti!

 

Origine del nome e connessione con il Natale.

Il suo colore rosso, così particolare e così intenso, si sposa perfettamente con lo scenario e l’atmosfera natalizia tipica della tradizione. Ma le origini della Stella di Natale sono molto più antiche. Coltivata già all’epoca di Indios e Aztechi, la pianta è originaria del Messico. Da sempre legata al simbolo di purezza, per i popoli antichi il colore rosso era legato al sangue versato da una dea per il suo amato. Diverse leggende gravitano intorno alla Stella di Natale ma la più famosa e toccante riguarda una bimba sudamericana che, volendo mostrare a Gesù la propria devozione durante la notte di Natale, raccolse un mazzolino di erbe e sterpaglie le quali, non appena furono depositate sull’altare, si trasformarono in meravigliose stelline rosse.

L’amore è quindi il significato simbolico del fiore che in alcuni Paesi viene venduto anche in altri periodi dell’anno, a ridosso di feste simboliche. Anche il suo nome ricorda l’amore e la passione, in Francia viene infatti chiamato Étoile d’amour (stella d’amore) mentre in sudamerica Hoja encendida (foglia infuocata)

Come prendersi cura della Stella di Natale

Se la Stella di Natale viene regalata quasi solo ed esclusivamente durante il periodo natalizio, non bisogna pensare che la sua vita sia così ristretta. Far sopravvivere la Stella di Natale non è semplice, serve molta cura e dedizione ma con la buona volontà e qualche piccolo accorgimento si otterranno grandi risultati.

La Stella di Natale fiorisce nel periodo invernale, in questo periodo ha bisogno di una stanza molto luminosa e aria sempre fresca e umida. Diversamente da quanto si possa pensare la pianta ha bisogno anche di alcune ore di buio, si consiglia infatti di tenerla lontano dalla luce anche per 10 ore consecutive. Inoltre, non necessita di molta acqua.

Passato il periodo invernale la pianta perde le foglie colorate e inizia il suo periodo di riposo vegetativo. È opportuno quindi tagliare gli steli di 10 cm, spostare la Stella di Natale all’esterno (temperatura ideale tra i 15 e i 25 gradi) e travasarla in un vaso poco più grande. In estate è possibile alimentarla con un fertilizzante naturale e innaffiarla parecchio. Arriviamo così a ottobre dove inizieremo a ridurre le concimazioni e le irrigazioni aspettando che fioriscano di nuovo meravigliose foglie rosse per un nuovo sereno Natale.

Leggi anche

Correlati