Il taglio mulching per la cura del tappeto erboso

Il taglio mulching per la cura del tappeto erboso

|
Vita in Campagna

Per mantenere il prato del vostro giardino curato e in buona salute esistono varie tecniche;
un modo è certamente quello di ricorrere a un tipo di taglio che lascia sul terreno l’erba tagliuzzata

Numerose specie da tappeto erboso utilizzate in Italia appartengono al gruppo delle microterme, che sono piante erbacee che sopportano bene le basse temperature; tra queste ricordiamo il Lolium perenne, l’Agrostis stolonifera, la Poa pratensis.  La scelta di utilizzare queste specie è dettata in primo luogo alla loro buona adattabilità anche alle basse temperature invernali.

Le specie da tappeto erboso utilizzate nel nostro Paese appartengono, per la quasi totalità, al gruppo delle microterme. Nella foto: Lolium perenne(1), Agrostis stolonifera(2) e Poa pratensis(3)

Detto questo, vogliamo segnalarvi che, per migliorare l’estetica e lo stato di salute del vostro prato, ottimi risultati potete ottenerli utilizzando un tosaerba per mulching, che permette di lasciare disteso sul terreno il materiale di taglio. Molti sono i suoi vantaggi, alcuni visibili, altri nascosti:
• il tappeto erboso risulta più spesso e di un verde più brillante;
• le sostanze nutritive fornite dall’erba lasciata sul terreno soddisfano i fabbisogni nutritivi del prato, permettendo anche di risparmiare fertilizzante, con vantaggi per l’ambiente e il portafoglio;
• nel materiale di mulching le sostanze nutritive vengono liberate lentamente e in modo costante e omogeneo, ottimizzando così l’assorbimento da parte delle radici delle essenze erbose;
• il taglio di mulching riduce l’infeltrimento del prato, favorendo una migliore crescita dell’erba, dato che le infestanti e il muschio non trovano spazio in un prato che dispone di sostanze nutritive in abbondanza.