Fertilizzare grazie ai lombrichi

Fertilizzare grazie ai lombrichi

|
Orto da Coltivare

I lombrichi sono tra i migliori amici dell’orto, visto che sono in grado di digerire sostanze organiche in decomposizione e trasformarle in prezioso humus, che è uno dei migliori concimi per la coltivazione biologica.

Si tratta di un ottimo fertilizzante perché gli elementi nutritivi contenuti nell’humus sono già pronti per essere assimilati dalle radici delle piante. Il grande vantaggio rispetto ai concimi tradizionali è che anche se si eccede col dosaggio non si creano danni alle coltivazioni, mentre se si impiega ad esempio troppo stallatico si finisce per “bruciare” le piante facendole morire. Per questo motivo l’uso di humus è particolarmente indicato a chi è alle prime armi.

Oltre ad essere un nutrimento molto completo il vermicompost ottenuto dai lombrichi ha altri effetti positivi sul terreno dell’orto: lo arricchisce migliorandone la struttura fisica, contribuendo a renderlo più soffice e ad aumentare la sua capacità di trattenere l’umido.

L’humus si può utilizzare sia come fertilizzante nell’orto che per migliorare il terriccio dei vasi e quello in cui far nascere le piantine in semenzaio. E’ una sostanza di grande aiuto per aiutare lo sviluppo dell’apparato radicale delle piante ed è utile anche a superare lo shock da trapianto.

Essendo prodotto utilizzando rifiuti organici quali scarti da cucina, letami e sfalcio d’erba, l’humus ha anche un grande valore ecologico. Nell’ottica di una coltivazione sostenibile e amica dell’ambiente è importante tenere conto anche di questo.

Si può scegliere di acquistare questo fertilizzante ma anche di auto produrlo, mettendo in piedi un piccolo impianto di lombricoltura. Gestire la lettiera coi lombrichi non è difficile, basta dedicargli qualche metro quadrato e ricordarsi di bagnarla regolarmente e alimentarla con rifiuti umidi ed erba tagliata, precedentemente compostati. Esistono delle cassettiere verticali che consentono di farlo persino sul balcone.