motosega Credits fotografia

Consigli STIHL per il giardino: lavorare con la motosega

Tosasiepi, decespugliatore, motosega o soffiatore: ogni attrezzatura STIHL è il risultato dell’esperienza decennale nella progettazione e nell’applicazione di attrezzi a motore per lavori forestali e di giardinaggio.

I nostri attrezzi per il giardinaggio si adattano in modo ottimale a questa determinata applicazione. Vogliamo mettere il nostro know-how a vostra disposizione, per permettervi di affrontare in tutta tranquillità i più svariati lavori intorno a casa o in giardino. Nella nostra serie di articoli “Consigli STIHL per il giardino”, abbiamo raccolto diversi suggerimenti e trucchetti utili.

In questo articolo imparerete per cosa è necessaria una motosega nel vostro giardino e a cosa fare attenzione quando la si adopera.

Per i lavori intorno alla casa o in giardino, sono adatti soprattutto i modelli più piccoli di motosega. È possibile utilizzare una motosega per rinvigorire piccoli alberi, tagliare legna da ardere, potare alberi e cespugli, così come realizzare lavori artigianali e progetti fai da te.

I nostri consigli professionali per utilizzare una motosega in giardino

  • Indossate sempre l’abbigliamento protettivo adeguato: quando si lavora con una motosega si dovrebbe sempre indossare un paio di pantaloni con uno strato protettivo e una visiera o occhiali di protezione per i modelli più piccoli. In base al grado di rumore emesso dal dispositivo, che varia a seconda del tipo di avviamento, è necessario indossare anche una protezione acustica. Pertanto, ecco il nostro consiglio: per le aree sensibili al rumore sono adatte soprattutto le motoseghe a batteria, perché sono particolarmente a bassa rumorosità. Guanti resistenti proteggono le mani. Scarpe protettive con suola aderente garantiscono un appoggio sicuro. Prima di iniziare il lavoro, rileggere sempre nelle istruzioni quali indumenti di protezione sono necessari per il vostro modello di motosega.
  • Lavorare in sicurezza è una priorità: per evitare il contraccolpo di ritorno della sega, non tagliare il legno con la punta della rotaia di guida.
    Nelle motoseghe STIHL è installato il freno catena STIHL Quickstop. Azionando la protezione anteriore per le mani, il freno viene inserito manualmente e la motosega così si blocca. La catena si ferma in una frazione di secondo.
  • Manutenzione regolare della motosega: per poter beneficiare a lungo della vostra motosega, è necessario liberarla regolarmente da polvere e sporco. È possibile rimuovere facilmente lo sporco pesante con un panno umido. Assicuratevi che i manici della sega siano privi di olio e sporcizia, in modo da maneggiarla saldamente. Inoltre, le alette di raffreddamento devono essere pulite, se necessario. Soprattutto il canale di fuoriuscita dell’olio dell’unità motore, così come il foro di ingresso dell’olio (1), la scanalatura (2) e la corona dentata (3) sul binario di guida devono essere puliti in modo che l’attrezzo sia sempre sufficientemente lubrificato. Per effettuare questa operazione, è possibile utilizzare ad esempio il detergente sulla dima di affilatura.

  • Non lavorare mai senza il lubrificante della catena: per lavorare facilmente, la catena deve essere ben lubrificata. Riempite quindi, quando necessario, con l’olio della catena ad ogni sostituzione di batteria. Senza lubrificazione, la catena e il binario di guida si logorano. La formazione di sbavature è accelerata sulla scanalatura del binario di guida. Inoltre, una catena senza lubrificazione si riscalda.
  • Una motosega sega bene solo se la catena è affilata: se la catena non perfora più il legno – con taglio verticale, trasversalmente alla fibra – e invece di originare dei frammenti di legno, fuoriesce del fumo, rantola e va a scatti, e il taglio è storto, tutto questo può essere indicativo di una motosega smussata. Consigliamo di far controllare la catena della motosega dal rivenditore e se necessario farla affilare.
  • Conservare correttamente la motosega: se si desidera conservare a lungo la propria motosega, è necessario pulire accuratamente l’attrezzo. Rimuovete il binario di guida e la catena oppure rivestire quest’ultima con la protezione e inserire il freno. La sega deve essere conservata in luogo fresco e asciutto. Quando utilizzate l’olio biologico per la catena della motosega, riempite completamente il serbatoio per l’olio. In questo modo si evita una resinificazione. Per i dispositivi a batteria, rimuovete la batteria prima di riporli. Ma prima la batteria deve essere caricata al 20% circa, corrispondente a un LED che si illumina sulla batteria.
    Con i dispositivi a benzina, il serbatoio del carburante deve essere svuotato e il contenuto eliminato in maniera ecocompatibile. Inoltre, il carburatore deve essere avviato a vuoto, ovvero l’attrezzo deve continuare ad essere in funzione, fino a quando il carburante non si esaurisce.
  • Lasciar ‘tagliare’ la sega, non forzare: non bisogna forzare la sega nel legno. La catena perfora il legno da sola.

Del resto, le motoseghe STIHL che hanno una C nel nome del prodotto, dispongono di una o più caratteristiche utili che possono rendere il lavoro ancora più piacevole. La B per esempio sta per Tendicatena rapido STIHL e la Q per il sistema frenante aggiuntivo QuickStop Super STIHL.

È comunque sempre buona regola, prima di lavorare con la motosega, leggere le istruzioni per l’uso e le indicazioni di sicurezza ivi riportate.

Perfetti per il giardino: attrezzi a batteria STIHL e VIKING

Per tosare le siepi, falciare l’erba, rifilare i bordi del prato, togliere le foglie, pulire i sentieri o tagliare la legna da ardere… per ogni lavoro intorno alla vostra casa e in giardino abbiamo  l’attrezzo a batteria che fa al caso vostro. Se avete un giardino di piccole dimensioni, trovate qui tutte le informazioni sui nostri attrezzi a batteria STIHL silenziosi e privi di emissioni. Per più potenza e flessibilità in giardino ci sono i nostri potenti attrezzi a batteria della linea COMPACT.

Leggi anche

Andreas STIHL S.p.A.

Dal 1926 STIHL fa dell’innovazione il motore della propria crescita. Da allora, infatti, sono state brevettate oltre 1.500 invenzioni. Oggi 500 persone lavorano, esclusivamente, a tempo pieno, nel centro ricerca e sviluppo del Gruppo che si trova in Germania, a Stoccarda. Nel corso degli anni la gamma dei prodotti è stata notevolmente ampliata arrivando ad […]

Vedi tutti gli articoli di questo autore

Correlati