Cavoli e cavolfiori: consigli per la raccolta

Cavoli e cavolfiori: consigli per la raccolta

|
Vita in Campagna

Prima di consigliarti il modo migliore per raccogliere cavoli e cavolfiore, ti diamo qualche piccolo pratico suggerimento, forse banale, ma che è bene tenere presente quando si esegue la raccolta degli ortaggi:

  1. rimuovi ogni parte guasta e gli eventuali residui di terra dagli ortaggi prima di riporli nei contenitori di raccolta;
  2. deposita gli ortaggi con delicatezza nel contenitore;
  3. metti subito al riparo il raccolto, specialmente nei mesi caldi, in un luogo fresco e ombreggiato.

orto29
Ecco cosa devi fare per raccogliere correttamente i tuoi cavolfiori e cavoli:

  1. inizia solo quando le teste sono ben formate e sode (per esempio quelle del cavolo cappuccio e del cavolo verza non devono cedere sotto la pressione delle dita), ma prima che comincino ad «aprirsi».
  2. usa un coltello a lama lunga (10); alcune varietà di cavolo broccolo, come il calabrese, dopo la raccolta della testa principale emettono altri germogli laterali utilizzabili: quindi ti consigliamo di non estirparne le piante.
  3. raccogli i cavolini di Bruxelles a mano e scalarmente, dopo avere verificato che siano ben compatti, stringendoli tra il pollice e l’indice (11).
  4. nelle varietà con cavolini che maturano contemporaneamente, estirpa le piante e procedi poi allo stacco dei cavolini.